L’origine dell’oro e i suoi utilizzi

L’inizio remoto

L’uomo estrae l’oro da circa 6000 anni, iniziò nelle regioni dell’Africa settentrionale, in Mesopotamia, nella valle dell’Indo e nel Mediterraneo orientale, le origini dell’oro sono cosi remote che i racconti mitologici che ne parlano sono oscuri e misteriosi.  Si calcola che a oggi ne siano state estratto estratte all’incirca 100-135.000 tonnellate. Nonostante l’oro sia presso ché indistruttibile,  il 10% di tutto quello estratto è andato perduto, o nei fondali marini o in tesori sconosciuti sepolti chissà dove, o polverizzato durante la lavorazione, e anche consumato nell’impiego delle monete. Oggi il suo impiego industriale  nelle tecnologie più avanzate rende il suo riutilizzo inutile; oggi la valutazione e l’uso dell’oro ha subito un’evoluzione significativa.

Chi e come estraeva l’oro

Nell’Antico Egitto e nella Roma imperiale l’oro veniva estratto con mezzi  molto simili tra loro: picconi di pietra o di bronzo, naturalmente dagli schiavi appartenenti allo stato, in quanto le miniere o i giacimenti alluvionali erano generalmente monopolio statale, o erano di proprietà dei sacerdoti; gli schiavi lavoravano in condizioni spaventose;  dovevano lavorare nelle miniere fino a morirne; vi venivano mandati i ribelli, i detenuti, i condannati ai lavori forzati, i cristiani e chi non aveva altro impiego,  chi lavorava nelle miniere  non vedeva la luce del sole per mesi interi, alcuni non la vedevano più poichè morivano per la fatica senza risalire. Nelle varie epoche però non veniva usato solo come ornamento femminile ma veniva utilizzato anche per le armi e gli equipaggiamenti militari, per i finimenti dei cavalli, i copricapi, le divise, per le vesti trionfali, le corone, le statue celebrative oltre alle tramature dei tessuti e dei tappeti, si decoravano anche mobili, soffitti, vasellame. Oggi l’oro ha la medesima valenza di tremila anni fa, è un ornamento prestigioso e un investimento importante sia per il vendo che per il compro oro Roma massima valutazione

 

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *