Brembate: straniero evade dai domiciliari per andare a effettuare scommesse sportive

Uno scommettitore accanito

Quando si dice che la passione per le scommesse va al di là di qualsiasi ostacolo, non è una frase eccessiva, soprattutto in merito al fatto che martedì sera un marocchino di 37 anni che era agli arresti domiciliari  per reati  legati al traffico di stupefacenti, ha pensato bene di allontanarsi dall’abitazione dove era confinato, per andare a scommettere.

Evasione per giocare

lo scommettitore accanito è stato colto in flagrante dai Carabinieri della stazione di Brembate; lo straniero durante i controlli di routine serali non è stato trovato dai militari dell’arma nella sua abitazione, e si sono subito resi conto che non erano state rispettate le norme delle prescrizioni derivanti dalle misure cautelari o detentive a cui sono sottoposti i soggetti condannati o in attesa di giudizio che in alternativa, al l carcere vengono messi in custodia nella propria abitazione.

Scommesse sportive

Una volta rintracciato dai carabinieri il marocchino che si trovava nel comune di Brembate è stato interrogato e gli è stato chiesto per quale motivo si era allontanato dal luogo degli arresti domiciliari,  ma al momento non ha saputo dare alcuna valida giustificazione relativa alla sua assenza dal domicilio, e quindi all’evasione compiuta;  i carabinieri però perquisendo l’uomo hanno trovato alcune ricevute riguardanti delle scommesse precedentemente effettuate, ovvero scommesse sportive gioco, del Lotto e altro. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di evasione; e  in mattinata si è svolta la relativa udienza di convalida per direttissima al Tribunale di Bergamo.

Giocare e scommettere comodamente

Il marocchino arrestato forse non sapeva che le scommesse sportive possono essere effettuate anche online senza muoversi da casa, in totale tranquillità, comodamente nella propria abitazione; se lo avesse saputo si sarebbe evitato altri problemi e non avrebbe scomodato i carabinieri; scommettere online è molto più facile e comodo, provaTe a questo URL

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *